DEAN FRASER
Nyabinghi Christmas

Pronti a passare il Natale tappati a casa?? Vi consiglio questa compilation confezionata dal grande Dean Fraser, 16 canzoni sul Natale, con i ritmi tradizionali rastafariani. Prodotto dallo stesso Dean & Tad A. Dawkins Jnr., il progetto strumentale è partito l’anno scorso,
“Nyabinghi è la musica jamaicana e voglio portare una nuova strumentazione a queste canzoni. Le manteniamo musicali, ma con una vibrazione diversa” ha detto Fraser a proposito del trattamento “binghi” di “When a Child is Born”, “Chrismus A Cum” (Mi Waa Mi Llama), “Long Time Ago”, “Santa Ketch Up Inna Mango Tree”, “Merry Christmas”, “Feliz Navidad” e “Auld Lang Syne.” Per un’autentica vibra nyabinghi, Dean Fraser ha chiesto la collaborazione di percussionisti come Congo Billy, Hector Lewis e Denver “Feluke” Smith (purtroppo per lui sono state le ultime sessions, è morto di tumore lo scorso Settembre!)
Hanno suonato anche il bassista Mikey Fletcher, i chitarristi Dario Morgan e Lamont Savory, il tastierista Andrew Marsh ed il flautista Zoe McIntyre.
“Non avrei mai detto che il Natale fosse uno dei miei preferiti periodi dell’anno, l’unica cosa che apprezzo del Natale sono le canzoni. Sono ben scritte e vale la pena di ascoltarle”, ha commentato il leggendario Dean! Buon Natale in lockdown!!!

SHAGGY
Christmas in the Islands

Se non puoi essere ai Caraibi durante le festività natalizie, il nuovo album di Natale del grande Shaggy riempirà la tua calza con l’allegria tipica dell’Isola. Il vincitore di numerosi Grammy Award e nativo di Kingston afferma che il disco è stato ispirato dai tanti turisti che arrivano in Jamaica per le festività senza necessariamente sapere quali siano le tradizioni natalizie nei Caraibi.“Il Natale ha una atmosfera diversa ai Caraibi rispetto New York”, ha detto l’artista dalla sua casa di Long Island negli Stati Uniti. “E’ quasi come il periodo di Carnevale – la famiglia si riunisce, ma si festeggia anche passando da una festa all’altra”. “Christmas In the Islands, lancia un paio di classici sentimentali, con Shaggy che canta da solo in “I’ll Be Home for Christmas” e “Have Yourself a Merry Little Christmas”. Ma la maggioranza dei 15 brani sono tipiche originali canzoni natalizie registrate in collaborazione con più di una dozzina di artisti, da Beenie Man, Joss Stone e Shenseea, a Sanchez, Romain Virgo, Bounty Killer, Junior Reid e Ding Dong. “E’ un CD per far festa” dice Shaggy, il quale dice di essersi divertito a collaborare con nuovi artisti che non hanno paura di correre dei rischi – come fare una canzone di Natale in versione dancehall, per esempio. “I miei collaboratori sono persone con le quali io ho delle relazioni personali”, ha aggiunto, “donando quel senso di fiducia necessario per realizzare un disco che sia realmente genuino come Christmas In the Islands”.
Se il titolo suona vagamente familiare, è forse perchè Jimmy Buffett ha precedentemente registrato nel 1995 un titolo simile, “Christmas Island”, e prima di quello, una canzone intitolata “Christmas in the Caribbean”. Shaggy ride al confronto con Buffett. “Jimmy Buffett – quel ragazzo, ha creato un impero con una dannata canzone”, ha detto. “E’ il mio eroe”.

Strictly The Best Vol. 61

Strictly the Best è la compilation annuale che raccoglie i successi e gli artisti emergenti della scena reggae contemporanea. STB 61 è il ventiquattresimo per la VP Records che include hits del momento e del prossimo futuro con artisti come Alborosie, Alkaline, Bella Blair, Busy Signal. I fans del roots reggae, del lovers rock e della dancehall accolgono sempre con fiducia il marchio “Strictly the Best”. Fondata nel Luglio 1991, è la più longeva serie di compilation reggae. Il set composto da 2 dischi include Romain Virgo, Christopher Martin, Richie Spice, Tarrus Riley e Jah 9 come rappresentanti del reggae, mentre la sezione dancehall include Masicka, I Waata, Busy Signal, Govana, Teejay, Alkaline, Stylo G e Gage. Buon ascolto!!!