GROUNDATION One Rock

I Groundation ritornano quest’anno con il loro album One Rock, due date imperdibili, al Circolo Magnolia di Segrate, Milano, il 18 luglio e all’Estragon di Bologna l’8 novembre.
One Rock, nove canzoni intense che parlano della condizione dell’uomo, del suo spirito, e dello stato del mondo. Gruppo che da sempre rispetta i grandi del passato, I Groundation passano alla storia per l’ennesima volta collaborando insieme a gruppi leggendari del reggae,  gli Israel Vibration, gli Abyssinians e i Congos . One Rock è stato pubblicato il 13 maggio.
Il primo singolo dell’album, Original Riddim, racconta la storia universale di come la musica faccia parte della scintilla che ha dato il via alla nostra esperienza di uomini, “aprendo paradisi di possibilità” e “espandendo le nostre menti a livelli infiniti.” Original Riddim accoglie anche l’ascoltatore nella conversazione: “Prima che l’uomo camminasse e parlasse, formarono un’unione in cui nessuna tribù fu lasciata fuori, tu non sei lasciato fuori!”. Un video musicale per la canzone, diretto da Roger Hall e filmato in diversi luoghi della Jamaica, a New York, in Texas, in Florida, e in California, è stato pubblicato lo stesso giorno del singolo.
Parlando del nuovo singolo, Stafford ha dichiarato, “Non vedo l’ora che tutti gli amanti del reggae lo ascoltino! In un momento in cui stiamo perdendo così tanti grandi del passato, coloro che hanno avuto il coraggio di intraprendere il cammino quando non era “fico” e socialmente accettabile essere Rasta, coloro che hanno vinto la tribolazione di portare questa musica in giro per il mondo, è così bello cantare e suonare a fianco degli Israel Vibration e degli Abyssinians e condividere il loro sound con i fan della musica di oggi.”
I Groundation sono un gruppo musicale roots reggae caratterizzato da un’evidente influenza jazz.
La band è stata fondata nell’autunno del 1998 da Harrison Stafford, Marcus Urani e Ryan Newman, che si erano conosciuti in un’Università di Jazz.
Nel 2000 si uniscono al gruppo anche David Chachere, un trombettista di musica jazz di San Francisco, e Kelsey Howard, un suonatore di trombone.
Tra il 1999 e il 2001 Stafford insegna all’Università di Sonoma tenendo il primo corso di Storia della Musica Reggae.
Nel 2001 si unisce al gruppo anche il batterista Paul Spina.
Il nome della band è stato ispirato dalla prima “grounation” , il giorno che Selassie è arrivato in Giamaica nel 1966. Dichiara Harrison: Per noi, “groundation” dimostra la nostra discendenza dalla Jamaica, dal reggae roots e dai principi Rasta. Allo stesso tempo “groundation” è ciò che stiamo cercando di costruire: riguarda l’essere radicato, l’essere umile e questo viene con la musica. Marcus è il leader, Ryan è il leader, David è il leader, io sono il leader – partecipiamo tutti a questa band collettiva, siamo tutti radicati.”.