Jamaica News


Il Jamaica Tourist Board (JTB) e il Jamaica Hotel and Tourist Association (JHTA) hanno pensato che il periodo potrebbe essere quello giusto per incentivare il settore turismo, rivolgendosi a visitatori che potrebbero vivere e lavorare sull'isola, una mossa resa necessaria dall'impatto globale della vicenda dell'epidemia di coronavirus.
Il direttore del JTB Donovan White la vede come un'opportunità da testare in tempi brevi e il capo della JHTA Omar Robinson ha detto che "anche se è una pensata del JTB, l'associazione non scarta l'idea, al contrario la appoggia".
Il JTB afferma che si tratterebbe di una nuova progettazione per aumentare gli arrivi di visitatori e non è di certo contrario al concetto di visitatori a lunga permanenza che possano lavorare da lì.
L'ideale, ha detto, sarebbe renderlo possibile nel contesto locale. "Noi stiamo ovviamente cercando di trovare le giuste soluzioni per presentare le nostre
offerte al mercato a tale riguardo, e stiamo esaminando una serie di innovazioni da portare sul mercato per continuare a consentire al nostro prodotto turistico di risollevarsi nel più breve tempo possibile, dato che siamo ancora nel pieno della pandemia ", ha spiegato White.
Ha inoltre sottolineato che mentre il concetto di Jamaica come un luogo da cui lavorare da remoto sia attraente, la gestione e la pianificazione sarebbero fondamentali per un incremento di successo.
(Jamaica Observer)

LA MARATONA DI REGGAE VIRTUALE NEL 2020
Jamdammers Running Club di Kingston, gli organizzatori della Reggae Marathon, Mezza Maratona e 10K, oltre ai partners ed altre parti interessate
hanno annunciato che l'evento quest'anno si svolgerà in maniera virtuale, a causa della pandemia di Covid19.
Il direttore di gara Alfred Francis afferma che il Covid-19 ha modificato quello che definisce il "Runscape" in tutto il mondo e afferma che la Jamaica non fa eccezione. “Con l'aumento dei casi positivi a livello locale e globale, abbiamo deciso di annullare la partecipazione fisica prevista per quest'anno, nell'interesse dei partecipanti internazionali e locali, con l'obiettivo di restare al sicuro ", ha detto.
“Tuttavia, non vediamo l'ora di tornare alla normale partecipazione nel 2021. Questa è la prima volta nei suoi 19 anni attività che la Reggae Marathon
viene annullata. Avevamo tantissimi programmi per celebrare il 20° anniversario della manifestazione, ma abbiamo dovuto ripensarci alla luce dell'impatto negativo della pandemia. Ulteriori informazioni saranno disponibili sul nostro sito web, coloro che si erano già registrati stanno verificando le varie opzioni offerte alla luce della cancellazione. "
Gli organizzatori dicono che sin dal suo inizio nel 2001, la Reggae Marathon ha annoverato 24.890 partecipanti, di cui 13.169, ovvero il 53%, provenienti da
oltre 40 paesi.
(Jamaica Gleaner)